CENERENTOLA

FNASD
FONDAZIONE NAZIONALE DELLA DANZA
DANZAVENEZIA

LEGGERE PER… BALLARE

Cenerentola
liberamente ispirato all’omonima fiaba di Charles Perrault

Regia ARTURO CANNISTRÀ
Assistente alla Regia VIVIANA PALUCCI
Coordinamento musicale ALESSANDRO BALDRATI
Scenografie FONDAZIONE TEATRO LIRICO G.VERDI di TRIESTE
Voce recitante ENRICO VAGNINI

Coreografie: MANOLA BETTIO, DANIELA BATTISTUZZI, SANDRA BATTISTUZZI, OLGA BRUNELLO, ARTURO CANNISTRÀ, MARTA CASARI, FRANCESCA DA ROS, GIULIA DA ROS, VIVIANA PALUCCI, JESSICA ROSSO, MARTINA TOMASI, PAOLA ZAMUNARO

Allievi provenienti dalla scuole di danza:
Accademia Veneta di Danza e Balletto (Spinea), A.I. Artinscena (Trieste), Angeli Danza (Colfosco di Susegana), Danbailop (Vittorio Veneto), Oltredanza (Fontanelle), Only Dance (Mareno di Piave), Pirouettes (Conegliano), P.G.S.Rig (Conegliano), Studio2000Danza (Spresiano), Palladio Danza-CSD Daniela Rossettini (Vicenza)

18 marzo 2009 ore 10,30 (spettacolo per le scuole) TEATRO COMUNALE Thiene – Vicenza
31 marzo 2009 ore 11,00 TEATRO ACCADEMIA Conegliano – Treviso

In collaborazione con ARTEVEN CIRCUITO TEATRALE REGIONALE

PERSONAGGI ED INTERPRETI

Cenerentola: Giada Dall’Antonia
Il Principe: Lorenzo Capodieci
Le sorellastre: Martina Dolci, Laura Gaboardi
La matrigna: Rebecca Carrara
Il padre: Filippo Gavagnin
La fata Bibbidi Bobbidi: Anna Olto
Il cocchiere: Francesco Ruffino
Il Granduca: Filippo Gavagnin

Gli uccellini:

Boscaratto Alessia, Cattelan Alessia, Cenedese Anna, De Rosso Silvia, Furlanis Martina, Girotto Laura, Vazzoler Lodovica, Zambon Alessia

Gli uccellini più piccoli:
Marcon Alena, Piva Giorgia, Rui Eleonora, Tomaselli Elena, Zoppas Irene

I topolini
Anzanello Jessica, Carbonera Veronica, Cester Alessandra, De Giusti Alice, Knezevic Ana, Lunardelli Alice, Maccari Martina, Maluta Elisabetta, Rui Alice

Le fate dell’Inverno
Finotto Giulia, Fogliano Laura, Maronese Arianna, Olto Anna, Perencin Cinzia

Le fate della Primavera
Braido Giulia, Sorbello Sara, Da Ros Nicole, Trentin Sabrina, Arnaudo Camilla, Casagrande Maela, Wadduwage Anne

Le fate dell’Estate
Comacchio Valentina, Dall’Armellina Beatrice, D’Altoe’ Alice, De Pizzol Cristiana, Gaiotto Roberta, Rinaldi Francesca, Rosolen Gloria, Zhluktova Kristina

Le fate dell’Autunno
Martini Silvia, Favaretto Elena, Frate Marianna, Schievene Anna, Vendramin Laura

Le stelle
Basso Cinzia, Biasin Chiara, Bongiorno Laura, Cancian Giulia, Checchi Alice, De Colt Celine, Di Leo Rosalba, Florian Elisa, Franco Angelica, Moino Greta

Le stelline
Brieda Alice, Calderari Beatrice, Collotto Elisabetta, Da Ros Carlotta, Dassié Tiziana, Feltrin Anna

I cavalli
Celotto Linda, Costalunga Gloria, Della Coletta Irene, Lorenzon Maria, Migotto Giada, Rivaletto Arianna

Gli invitati per il ballo
Boscaratto Anna, Cescon Francesca, Dal Bianco Laura, Dario Chiara, Feletti Deborah, Finotto Giulia, Fogliano Laura, Mariconti Sara, Maronese Arianna, Perencin Cinzia,Pradal Nicole, Sandu Giorgia,Santos Carolina, Secci Federica, Tagliamento Arianna, Vendrame Beatrice

La Mezzanotte
Abbove Veronica, Battistuzzi Anna, Cais Stefania, Comacchio Valentina, Dall’Armellina Beatrice, D’Altoe’ Alice, De Pizzol Cristiana, Gaiotto Roberta, Rinaldi Francesca, Rosolen Gloria, Tarzia Lisa, Zhluktova Kristina

Nell’ambito del Progetto Leggere per..ballare che dal 1996 coinvolge le scuole di danza associate alla Fnasd e le scuole istituzionali diffuse sul territorio nazionale, l’Associazione Danzavenezia, in collaborazione con Arteven, ha il piacere di presentare lo spettacolo “Cenerentola”.

Cenerentola, ben nota fiaba di tutti i tempi, è stata scelta per la realizzazione del progetto “Leggere per…ballare” per il suo grande contenuto poetico e didascalico che ben si sposa con il messaggio che la Fnasd e Danzavenezia intendono comunicare attraverso l’interazione tra le realtà istituzionali della scuola e quella delle scuole di danza, per affermare il principio che danza e cultura camminano insieme.

Cenerentola è una di quelle fiabe in cui i momenti nodali dell’esistenza diventano metafora attraverso il meraviglioso. Si cerca di spiegare l’inspiegabile: il mistero della crescita che segna il passaggio dal bambino all’adulto.
Attraverso la danza la dimensione del fantastico e quella della memoria si fondono per portare tutti al centro di questa magia.